HOME

 

Claudio Capotondi, born in the old Etruscan city of Tarquinia in Italy in 1937, has lived and worked in Rome and New York. He now resides in the city of Pietrasanta, near the marble quarries of Carrara, where he creates and personally carves his sculptures.
To this date he has produced 19 public art works in Italy, United States, Japan, Lybia, and has held personal exhibitions in Rome, Florence, Turin, Carrara, Bari, New York, Paris, Finland, and group exhibitions in many cities of the world.
In the year 2000 he received the coveted Michelangelo Award from the city of Carrara. His sculptures can be found in several public and private collections.

 

 

Personal Shows:

2007

Pietrasanta Museo S.Agostino

2006

Firenze Galleria FYR

2005

Seravezza Palazzo Mediceo

2002 

Tarquinia Galleria Comunale
  Spoleto Spazio Opra e Via Minervio
1997  Torino Galleria Fondazione Lucco
1996 Carrara Galleria L’Atelier
1995  Parigi Galerie La Decouverte
1993  S.Quirico d’Orcia Horti Leonini – “Forme nel Verde”
1992  Roma Galleria Cà d’Oro
1988  Viterbo Museo Rocca degli Albornoz
1987  Roma Eurogarden
1984  New York Vorpal Gallery
1981  Brescia Galleria Ferrari
1980  Yvaskyla Finlandia Museo Alvar Aalto
  Bari Galleria Duchamp Expo Arte
  Berna Galerie Marbach
1979  Bari Galleria Esperienze Culturali
  Vicenza Galleria Palladio
1976  Roma Galleria Due Mondi
1971  Roma Galleria Due Mondi
1965  Roma Galleria Il Girasole
1963  Roma Libreria Terzo Mondo
   
Awards:
2008  Catalogo Mondadori (pag 198-199)
2006  Catalogo Mondadori (pag 142-143)
2000  Premio Michelangelo Città di Carrara
1984  Segnalato da Fortunato Bellonzi sul Catalogo n.8 “Bolaffi Scultori Italiani”
1979  Segnalato da Giorgio Di Genova sul Catalogo n.3 “Bolaffi Scultori Italiani”
1972  Segnalato da Giuseppe Marchiori sul Catalogo “Bolaffi Scultori Italiani”
1969  Invitato al Simposio di Scultura Lindabrunn Austria
1968  Borsa di Studio - Salzburg Austria  Accademia Internazionale
1958  I° Premio  del Disegno Acli Viterbo
   
Group Shows:
2006  Roma Museo Crocetti - "Il Segno Contemporaneo"
2005  S.Felice sul Panaro (MO) - Biennale d'Arte Roncaglia
2003  Montalto di Castro centrale ENEL – “Magnetismo delle forme”
2002  Florida International University – “Mater-Materia”
  Pietrasanta Piazza Duomo – “Sculture e Scultori”
2001  Roma Palazzo delle Esposizioni –“Idee per il Mausoleo di Augusto”
2000  San Giovanni in Persiceto – “Le avventure della forma”
1999  New York Tribeca Fine Arts Gallery – “Four sculptors”
1997  Seravezza Palazzo Mediceo – “Il Girasole trent’anni dopo”
  Pietrasanta Museo S.Agostino – “Omaggio a Sem”
1996  Seravezza Palazzo Mediceo - “Sculture per l’acqua”
1994  Bruxelles Park Abbe Froidure Saint Gilles – “Scultori di Pietrasanta”
  Sulmona “XXI Premio Sulmona”
1993  Pietrasanta  Museo S.Agostino –“La Veste del Vuoto”
1989 Mosca Nuova Tetraicova e Leningrado Sala Centrale – “Scultori del Lazio”
1986  New York Bonino Gallery – “Drawings”
1984 Sommacampagna Villa Fiorio – “Idiomi della Scultura Contemporanea”
  RomaEUR – “Scultura Disegnata”
1983  Toronto Colonia Stoccarda Bonn Amburgo Tel Aviv Haifa Lagos Algeri
  collettiva itinerante “Scultori Italiani Contemporanei”
1979  Gallarate Pinacoteca Civica –“VI Mostra della Scultura”
1977  Pietrasanta Piazza Duomo –“Scultori e Artigiani in un Centro Storico” IIIa
  Montefiore Conca –“Sculture nel Borgo”
  S.Quirico d’Orcia Horti Leonini –“Forme nel Verde”
1976  Helsinki Copenaghen Oslo Belgrado Fiume-coll. itinerante“Scultori Italiani Contemporanei”
  Pietrasanta Piazza Duomo –“Scultori e Artigiani in un Centro Storico” IIa
1975  Parigi –“XXVII Salon de la Jeune Sculpture”
  Milano Parco Sempione –“Scultori d’Oggi”
  Padova Sala della Ragione – “X Biennale del Bronzetto”
  Pietrasanta Piazza Duomo –“Scultori e Artigiani in un Centro Storico” Ia
1974  Villeparisis Galerie Municipal – “Multiples”
1972  Buenos Aires Montevideo Rio de Janeiro San Paolo Città del Messico Tokyo Osaka Hakone
  collettiva itinerante “Scultori Italiani Contemporanei”
1971  Milano Palazzo Reale –“Scultori Italiani Contemporanei”
  Bologna Via Farini –“Strada della Scultura”
1970  Legnano Fondazione Pagani –“VI Mostra di Scultura”
1969  Vienna Museo della Secessione - “Sculture del Simposio”
1967  Milano XII Premio Ramazzotti - “Grafica degli Scultori”
1966  Milano Galleria delle Ore - “Gruppo Girasole”
  Ferrara Palazzo dei Diamanti - “Immagini degli anni 60”
1965  Lissone Pinacoteca Civica - “Dieci Nuovi Scultori Italiani”
  Roma Palazzo delle Esposizioni - “Rassegna Artisti di Roma e Lazio”
  Roma Galleria Due Mondi - Reggio Emilia - Parma - Ferrara “Prospettive 1”
   
Public and Private Collections:
2010  RomaSpinaceto Centro Addestrativo PS Fontanastele marmo/travertino cm.340x350x350h
  Roma Nuova Corte d’Appello Comefiore resina-bronzo cm.120x200x330h
  Frosinone Nuova Questura Tensosfera resina-marmo cm.160x160x250h
2000  FianoRomano Autostrada A1RomaNord  Portaroma  marmo/travertino  ml.15,00x2,00x7,00h
1999  USA / NC Charlotte Latin School  Crater  marmo cm.200x200x190h
1998  USA / NC Wingate University Sferosfaldato 3  (1977) travertino oro cm.74x118x68h
1996  USA / SC Clinton Presbyterian College  Ad Afrodite  (1987) marmo cm.110x110x180h
    Dadentro  (1990) marmo cm.120x140x150h
    Jointsphere   (1996) marmo cm.130x140x220h
  Giappone Ooya Utsonomiya Museum  Turza  marmo cm.280x100x350h
1995  USA / NC Charlotte Latin School  Torsionsphere   marmo rosso cm.150x150x220h
  USA / NC UNCC Charlotte University  Androgino  (1988) travertino cm. 60x220x250h
1994  La Spezia Nuova Questura  Torsiocolonna  marmo cm. 50x50x120h
1993  Siena San Quirico d’Orcia  Big-Bang  travertino cm. 150x130x220h
1992  Viterbo Piazzale Murialdo  Fontanasfera  peperino e granito ml. 20,00x20,00x4,00h
1991  Tivoli Bagni Hotel Gran Duca D’Este  Geocranio  (1988) travertino cm 140x140x140h
    Della Natura  (1987) travertino cm 140x140x220h
1990  Roma Consiglio Regionale Lazio  Torsiotensione  bronzo  cm.150x200x450h
1983  Roma Eurogarden Terme di Caracalla  Sferosnodo  marmo cm 140x140x220h
1981  Libia Bengasi Zoogarden  Disserrante 3  (1975) marmo statuario cm.108x156x132h
    Sferosfaldato 2  (1976) travertino cm.100x200x125h
1980  Finlandia Yvaskyla Museo Alvar Aalto  Sferosfaldato 1  bronzo cm.36x17x23h
1975  Modena Scuola Media Carducci  Fiore di Pietra  travertino cm.450x750x300h
  Roma Liceo Lucrezio Caro  Disvolgente  ferro cm.100x150x350h
1969  Austria Lindabrunn Steinbruch Park  Trasmutante  pietra cm..120x150x250h
1968  Piacenza Scuola Media Carducci  Crisalide  bronzo cm.120x150x200h
  Pontassieve Scuola Media Via Rosano  Icaro  cemento cm.120x150x 250h

 

 

Reviews:

... Here the discourse assumes a geological bent and, for extension or astral projection, becomes paradigmatical in movement and mutation, imperceptible by human time, of the infinite universe. It is difficult to pull oneself away from the cosmogonic myth in front of Capotondi"s sculptures. There are works which explicitly visualize a sort of celestial cartography, a planetarium of stone. This dimensional should always be held present in context with every consideration of order, so to speak, more empirical regarding human implications of determined conformation, and more aesthetic regarding the autonomy of formal values towards which, in the end, the artist aspires ... 1996

... The navigation, therefore, is all-important and the dream that prime it, the tension that govern it. Sculpture is like a ship's log in whose stony pages appear hoped for landing places, routes kept and followed, the diversions and joys of the joumey, the conditions of serene or temprestuous skies, ebb and flow of thoughts and the chart of emotions. A written entry composed of structures, of forms of signs that only the hand of an artist was able to inprint with the authenticity of who has recounted his own human substance in the form of his own work. For this reason Capotondi holds, with a certain radical touch not without a sense of moral foundation and opposed to what would seem to be the current artistic custom of the day, that the execution of sculpture cannot and must not be delegated to others hands ... 2005


... E qui il discorso assume una portata geologica e, per estensione o proiezione astrale, diviene paradigmatico del movimento e della mutazione, non percepibile nel tempo umano, dell'infinito universo. Difficile sottrarsi al fascino del mito cosmogonico, di fronte alle sculture di Capotondi. Vi sono opere che esplicitamente visualizzano una sorta di cartografia celeste, un planetario di pietra. Codesta dimensione va sempre tenuta presente contestualmente a ogni considerazione d'ordine, per così dire, più empirica circa le implicazioni umane di una determinata conformazione, e più estetica circa l'autonomia dei valori formali cui infine mira l'artista. ... 1996

... Conta, dunque, la navigazione, e il sogno che la innesca, la tensione che la governa. La scultura è come un diario di bordo nelle cui pagine lapidee compaiono gli approdi auspicati, le rotte tenute, le diversioni di percorso, le condizioni dei cieli sereni o tempestosi, e il flusso dei pensieri, e gli istogranmi delle emozioni. Una scrittura composta di strutture, di forme, di segni che solo la mano dell'artista ha potuto imprimere con l'autenticità di chi racconta la propria sostanza umana nell'opera. Per questa ragione Capotondi ritiene, con una certa radicalità cui non è estranea un'istanza morale di fondo, avverso un costume artistico di disimpegno ormai invalso nel nostro tempo, che l'esecuzione della scultura non può e non deve essere delegata a maestranze. ... 2005

NICOLA MICIELI

 

… Ne consegue una forma geometrica sinteticamente elaborata, che nel suo definirsi conferma l’onestà della ricerca dello scultore e la matrice stilistica che sottende le sue scelte, alla luce di un’indagine che coniuga la lezione di Brancusi con quella del futurismo …

… Ma dove Capotondi esprime al meglio la tensione della sua ricerca, è nell’indagine sulla sfera. Una sfera al cui interno egli cerca di penetrare, sezionandola, frantumandola, fino a risolverla in quella pacata dialettica fra sistema geometrico e mistero naturale … 1988

VITO APULEO

 

... un azzardare lo sguardo oltre le parvenze per ambiziosa sete di attingere il nucleo intemo della realtà, il segreto della sostanza permanente e naturante del mondo.

... in quella scia lucreziana si colloca, come credo, l'investigazione tra sperimentale e negromantica di non pochi artisti del nostro tempo, ciascuno con modi individuali, nondimeno impegnati in una ricerca comune, ardita negli esiti, ma non arbitraria né ancella della tecnologia, perché il segno è sempre significante qualcosa di altro, al di là della sua presenza semplice. E Claudio Capotondi è tra questi artisti uno dei più responsabili, seri, attenti e non ripetitivi, che nell'esistente cerca, quanto è possibile agli uomini, l'orma dell'essere...

... un'immagine del mondo di forme che l'uomo si finge nel proprio autonomo spirito creatore, e non sai se tutte le scopra in sé o tutte fuori di sé... organismi recuperati dai primordi della vita, o estratti da un futuro che giace ancora in grembo a Giove ... 1982

FORTUNATO BELLONZI

 

... Capotondi pensa sempre ad una energia genetica profonda, tellurico-naturale, e a questa non soltanto da immagine emblematica nella sua scultura, ma spesso questa accoglie entro il nuovo oggetto plastico, anche nel ruolo di vitalità espressiva della materia... 1982

... In tempi di crisi d'identità della scultura, Capotondi si è sentito invece di essere scultore nel senso storicamente più pieno del termine. Cioè propositore di entità plastiche che si impongono innanzitutto per una loro capacità di occupazione spaziale, per una loro imponente presenza, attraverso la quale comunichino un'immagine plastica sempre direttamente in qualche modo rapportata alla scala umana ...

... ricerca di essenzialità plastica come tensione ad un'immagine di originaria modernità. E le sue sculture infatti con sempre maggiore chiarezza si sono definite come configurazione di forme plastiche esponenti una realtà primaria in senso antropologico quanto in senso cosmico. La sua è divenuta sempre più chiaramente una ricerca immaginativa mirata alla costituzione di simulacri corposamente plastici di archetipi generici ed energetici ... 1988

ENRICO CRISPOLTI

 

...Tra i pochi scultori che ancora lavorano direttamente la pietra, Capotondi sin dai lontani anni del Girasole di cui fu uno dei fondatori, ha portato avanti un discorso che esprime il motivo della nascita attraverso il disserrarsi della pietra, creando una sorta di cosmogonia personalissima, in cui le emozioni si traducono in tensioni formali astratte e i pensieri si articolano in simboli petrosi, dove l'energia della materia inorganica, in virtù dell'assorbimento della forza richiesta per essere sbozzata e definita, si vivifica senza perder nulla della sua vigorosa, e talvolta rude, materialità ... 1979

GIORGIO DI GENOVA

 

... Uno dei dati di più costante emergenza nel lavoro di Capotondi è, così, l'accanimento feroce di una sorta di viaggio minerario, di una discesa alle Viscere che trova la sua forza (continuamente) superflua nella sua impossibilità a cessare. La meta, il Punto d'incontro è sempre più giù, in zone sempre più infere, nell'onda catramosa e magmatica in cui la cellula prende faticosamente forma di feto, in terrificante sforzo di liberazione ... Capotondi agisce sempre, con dura ed energica maestria, all'interno di una serrata topografia di "pieni", in una giungla di volumi , di masse, di corpi solidi. E' il segno più durevole della sua natura di scultore non pittoresco e non atmosferico ... 1978

... Anima queste opere la stessa coerenza di stile che fa dello scultore di Tarquinia un artista capace di coniugare con grande originalità lo stupore fermo della metafisica italiana quattrocentesca con la lezione più audace delle avanguardie plastiche del Novecento. Un'astrazione lucida e una sensualità materialistica vi scoppiano dentro, col sentimento del quotidiano ridotto/moltiplicato ad allegoria profonda dell'esistere (e del resistere) nella cotraddizione e nel conflitto ... 1988

... Non di specie lirica ma strutturale, l'astrazione capotondiana elabora situazioni energetiche in dinamismo profondo, non si placa in abbandoni in cui viga il risarcimento contemplativo o il  rilassamento consolatorio. Conflitto e contraddizione sono i principi forti di questa scultura: e di qui passa l'insieme delle ferite private e delle lacerazioni della storia, in un gioco serrato ad alta concentrazione drammatica, che soltanto uno strenuo controllo della forma è in grado di articolare secondo una sintesi di grande limpidezza e libertà .... 1990

MARIO LUNETTA

 

 
 

 

^ TOP ^